[Home] [Associazione] [Sommario] [Dove siamo]

 

                                    

 

 

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per studio biblico
METODOLOGIA BIBLICA

Per un corretto modo di approccio al discernimento critico, qui di seguito, riportiamo una sintesi dei criteri metodologici seguiti nei lavori del Diacono Lorenzo Ventrudo
 

 

 

 

PROGRAMMA MENSILE A.M.E

 

 

CONTATTI:

E.mail
 renzo.ventrudo@libero.it
 
 Cell. 347 9136018
 

Corrispondenza romana › 1519 › Intervista al prof. Roberto de Mattei sulla crisi della Chiesa

13 dicembre 2017 - 22:22

Intervista al prof. Roberto de Mattei sulla crisi della Chiesa

 

Riportiamo la versione italiana di un’intervista della giornalista Maike Hichson al prof. Roberto de Mattei apparsa sul sito Onepeterfive dell’11 dicembre 2017 (https://onepeterfive.com/interview-roberto-de-mattei-discusses-the-escalating-church-crisis/).

MH: Molti cattolici in tutto il mondo speravano che i cardinali dei Dubia pubblicassero la loro pubblica correzione a papa Francesco per la sua esortazione post-sinodale, Amoris laetitia. Cosa direbbe a quei fedeli che sono delusi e perfino scoraggiati di fronte al silenzio dei principi della Chiesa? Con quali parole vorrebbe incoraggiarli a perseverare nella loro speranza e nella loro fede?

RdM: L’attuale crisi nella Chiesa non nasce con papa Francesco e non si concentra in una sola persona, ma risale al Concilio Vaticano II e, più indietro ancora, agli anni del modernismo. Oggi larga parte del collegio cardinalizio, del corpo episcopale e, in generale, del clero, è infetto di modernismo. I pochi cardinali, vescovi e sacerdoti che resistono devono tener conto di questa situazione e il nostro compito è di aiutarli. Ma soprattutto non bisogna immaginare che un singolo atto di qualcuno di essi, per esempio la correctio fraterna al Papa annunciata dal cardinale Burke possa, da solo, risolvere la crisi. È necessaria una convergenza e una sinergia di iniziative diverse, provenienti dal clero e dai laici, ognuno al proprio livello e secondo la propria possibilità. Il sensus fidei suggerisce ai cardinali, vescovi, religiosi, semplici laici come reagire, L’importanza della correctio filialis, sottoscritta da 250 studiosi, religiosi e laici, è stata proprio quella di esprimere questo sensus fidei. La reazione può essere diversa da paese a paese, da diocesi a diocesi, ma le sue caratteristiche sono sempre quelle della professione della verità e della denuncia degli errori che a questa verità si oppongono.

MH: Ma come si risolverà la situazione?

RdM: Non saranno gli uomini a salvare a Chiesa. La situazione sarà risolta da un intervento straordinario della Grazia, che però deve essere accompagnato dall’impegno militante dei cattolici fedeli. Di fronte alla crisi attuale vi sono alcuni che pensano che l’unica cosa da fare è attendere un miracolo nel silenzio e nella preghiera. Non è così. È vero che abbiamo bisogno di un intervento divino, ma la grazia presuppone la natura e ognuno di noi deve fare il massimo di ciò che può fare secondo le proprie possibilità.

MH: La lettera del 2016 con cui papa Francesco si congratulava con le linee guida elaborate dai pastori della regione di Buenos Aires è stata pubblicata negli Acta Apostolicae Sedis, con una nota, del Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, secondo cui è il Papa stesso che ha voluto che i due documenti – le linee guida e la lettera – fossero pubblicati negli Acta.

RdM: Il fatto che le linee guida dei vescovi argentini e l’approvazione del Papa siano   state pubblicate negli Acta, ha reso ufficiale che «non sono possibili altre interpretazioni» della Amoris laetitia diverse da quella dei vescovi argentini, i quali autorizzano la comunione dei divorziati risposati, in una oggettiva situazione di peccato mortale. La lettera era privata, ma la pubblicazione negli Acta trasforma la posizione di papa Francesco in un atto di Magistero. Mi sembra che ciò confermi la tesi espressa dal padre Giovanni Scalese nel suo blog (http://querculanus.blogspot.it/2017/10/fase-b.html), secondo cui entriamo in una nuova fase del pontificato di papa Francesco: il passaggio dalla rivoluzione pastorale all’aperta riformulazione della dottrina. Il discorso dell’11 ottobre, in occasione del venticinquesimo anniversario della promulgazione del nuovo catechismo, sembra avviare una reinterpretazione del Catechismo della Chiesa cattolica alla luce di Evangelii gaudium e di Amoris laetitia.

MH: In un recente saggio, alla luce di come Lutero viene ora reintegrato nella Chiesa cattolica, lei ha dichiarato: "In breve, ogni cattolico è chiamato a scegliere se schierarsi con papa Francesco e i gesuiti di oggi, o essere al fianco dei gesuiti di ieri e dei Papi di tutti i tempi. È tempo di scegliere e meditare proprio sulle due norme di Sant’Ignazio (Esercizi spirituali,137) che ci aiuteranno a fare scelte in questi tempi difficili". Potrebbe spiegare ai nostri lettori queste parole, non solo alla luce della domanda su Lutero, ma anche alla luce di Amoris laetitia?

RdM: Ci sono momenti nella nostra vita e nella storia della Chiesa in cui si è obbligati a scegliere tra due campi, come sostiene sant’Agostino, senza ambiguità e compromessi. Sotto questo aspetto, la recente pubblicazione negli Acta della lettera di papa Francesco ai vescovi di Buenos Aires riconduce le posizioni a due poli frontalmente opposti. La linea di quei cardinali, vescovi e teologiche ritengono possibile interpretare Amoris laetitia in continuità con Familiaris consortio n. 84 e altri documenti del Magistero ne esce polverizzata. Amoris laetitia è un documento che discrimina i campi: va accettato o rifiutato in toto. Non c’è una terza posizione e l’inserimento della lettera di papa Francesco ai vescovi argentini ha il merito di renderlo chiaro.

MH: C’è chi nega che la pubblicazione della lettera ai vescovi argentini sia un atto del Magistero, perché propone una posizione erronea, se non eretica…

RdM: Chi pensa questo parte, a mio parere, da un presupposto sbagliato: l’idea che il Magistero pontificio non possa mai errare. In realtà la garanzia dell’inerranza è riservata al Magistero solo a determinate condizioni, che la costituzione Pastor aeternus del Vaticano I stabilisce con chiarezza. L’esistenza di errori nei documenti non infallibili del Magistero, anche pontificio, è possibile, soprattutto nei periodi di grandi crisi. Vi può essere un atto del Magistero autentico e solenne, ma erroneo. Tale fu per esempio, a mio parere la dichiarazione conciliare Dignitatis Humanae che, al di là del suo carattere pastorale, è indubbiamente un atto magisteriale e, altrettanto certamente, contraddice, in maniera almeno indiretta e implicita, la dottrina della Chiesa sulla libertà religiosa.

MH: Vede in arrivo uno scisma formale, e come potrebbe accadere praticamente? Chi sarebbe il fautore di questo scisma e cosa significherebbe per i semplici laici?

RdM: Lo scisma è una divisione all’interno della Chiesa, come accadde in Europa per quarant’anni, tra il 1378 e il 1417, quando sembrava che non si potesse individuare con assoluta certezza dove si trovava l’autorità della Chiesa. Quella lacerazione, nota come il "Grande scisma d’Occidente" non conobbe eresia. Generalmente però, allo scisma fa seguito l’eresia, come avvenne nell’Inghilterra di Enrico VIII.

Oggi ci troviamo in una situazione inedita, in cui l’eresia, che in sé è più grave dello scisma, lo precede e non lo segue. Non c’è ancora scisma formale, ma c’è eresia nella Chiesa. Sono gli eretici che stanno promuovendo lo scisma nella Chiesa, non certo i cattolici fedeli. E i cattolici fedeli che vogliono separarsi dall’eresia non possono certo essere definiti scismatici.

MH: Lei sembra suggerire che il Papa stia promuovendo lo scisma e l’eresia nella Chiesa. Quali sarebbero le conseguenze di questa gravissima situazione? Il Papa non perderebbe il pontificato?

RdM: Non si può riassumere in poche parole un problema così importante e complesso. Su questo punto è necessario un dibattito teologico, su cui rimando al volume di Robert J. Sisco e e John Salza, True or False Pope, agli scritti dell’abbé Jean-Michel Gleize sul Courrier de Rome e soprattutto allo studio di Arnaldo Xavier da Silveira, Ipotesi teologica di un Papa eretico, di cui ho curato nel 2016 l’edizione italiana ed è prossima l’edizione inglese. L’autore, di cui condivido la posizione di fondo, sviluppa le tesi dei decretisti medioevali, di san Roberto Bellarmino e di teologi moderni come Pietro Ballerini, secondo cui, pur esistendo una incompatibilità in radice tra l’eresia e la giurisdizione papale, il Papa non perde il suo incarico fino a che la sua eresia non diviene manifesta a tutta la Chiesa.

MH: E infine, qual è la Sua previsione e il Suo incoraggiamento per i nostri lettori, al termine del 100 ° anniversario delle apparizioni della Madonna di Fatima?

RdM: Lo scoraggiamento è un sentimento che il cattolico militante non può permettersi. Bisogna combattere, utilizzando le armi della logica, di cui dispone ogni fedele, e ricorrendo sempre all’aiuto invincibile della grazia. Nostro Signore ha promesso di essere con noi ogni giorno fino alla fine del mondo (Mt 28, 20). Che cosa potremmo chiedere di più?

Sito Cooperatores Veritatis

https://cronicasdepapafrancisco.com/2019/01/08/roberto-de-mattei-risponde-al-libro-di-antonio-socci/

Antonio Socci e "Il segreto di Benedetto XVI"

8 GENNAIO 2019

Per gentile concessione del prof. Roberto de Mattei, pubblichiamo la traduzione dall’inglese – da lui riveduta – della sua recensione (scritta per il Catholic Family News il 4 gennaio) al libro del giornalista Antonio Socci intitolato Il Segreto di Benedetto XVI. Perché è ancora papa. Per Socci l’insolita rinuncia al papato di Benedetto XVI e il suo "rimanere papa", tramite il titolo di "papa emerito", è una questione misteriosa, se non addirittura mistica; invece per il prof. de Mattei si tratta purtroppo di un altro "frutto" della resa al mondo intrapresa dal Vaticano II, per mezzo della nouvelle theologie di cui il teologo Joseph Ratzinger è sempre stato un convito esponente.

di Roberto de Mattei (04-01-2019)

«La Santa Madre Chiesa è dinanzi a una crisi senza precedenti in tutta la sua storia». Questa immagine del teologo Serafino M. Lanzetta, che apre l’ultimo libro di Antonio Socci, Il segreto di Benedetto XVI. Perché è ancora papa (Rizzoli, Milano 2018), invoglia alla lettura chiunque desidera capire meglio la natura della crisi e le possibili vie per uscirne.

Antonio Socci

Socci è un brillante giornalista che ha dedicato tre libri alle vicende della Chiesa sotto il pontificato di papa Francesco: Non è Francesco. La Chiesa nella grande tempesta (Rizzoli, Milano 2014), La profezia finale (Rizzoli, Milano 2016) ed ora Il segreto di Benedetto XVI.

Di questi tre libri, il migliore è il secondo soprattutto nella parte, accuratamente documentata, in cui sottopone a un meticoloso esame gli atti e le parole più controverse del primo triennio di governo di papa Francesco. Nel suo ultimo libro, invece, Socci sviluppa la tesi già proposta in Non è Francesco, secondo cui l’elezione di Jorge Mario Bergoglio è dubbia, e forse invalida e Benedetto XVI sarebbe ancora Papa, perché non avrebbe rinunciato del tutto al ministero petrino. La sua rinuncia al papato sarebbe stata "relativa" – scrive Socci – ed egli avrebbe inteso «rimanere ancora papa sia pure in un modo enigmatico e in una forma inedita, che non è stata spiegata (almeno fino a una certa data)»[1].

L’accettazione pacifica e universale di papa Francesco

Per quanto riguarda i dubbi sull’elezione del cardinale Bergoglio, al di là delle sottigliezze giuridiche, non c’è stato alcun cardinale, partecipante al Conclave del 2013, che abbia sollevato dubbi sulla validità di quell’elezione. Tutta la Chiesa ha accettato e riconosciuto Francesco come legittimo Papa e, secondo il diritto canonico, la pacifica "universalis ecclesiae adhaesio" (adesione della Chiesa universale) è segno ed effetto infallibile di un’elezione valida e di un papato legittimo. La professoressa Geraldina Boni in un approfondito studio dal titolo Sopra una rinuncia. La decisione di papa Benedetto XVI e il diritto[2], ricorda come le costituzioni canoniche in vigore, non considerano invalida un’elezione frutto di patteggiamenti, accordi, promesse od altri impegni di qualsiasi genere come la possibile pianificazione dell’elezione del cardinale Bergoglio.

 

Roberto de Mattei

Quanto scrive la prof.ssa Boni coincide con ciò che Robert Siscoe e John Salza osservano, sulla base dei più autorevoli teologi e canonisti: «… è dottrina comune della Chiesa che l’accettazione pacifica e universale di un Papa fornisce certezza infallibile della sua legittimità»[3].

Sul diritto di un Papa a dimettersi, non ci sono dubbi in proposito. Il nuovo Codice di Diritto canonico disciplina l’eventualità della rinuncia del Papa nel can. 332 § 2, con queste parole: «Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti». La rinuncia di Benedetto XVI è stata libera e ritualmente manifestata. Se Benedetto XVI avesse subito pressioni avrebbe dovuto dirlo, o avrebbe almeno dovuto lasciarlo capire. Nelle sue Ultime conversazioni con Peter Seewald (Garzanti, Milano 2016), ha dichiarato invece il contrario, ribadendo che la sua decisione è stata pienamente libera, immune da ogni costrizione.

La moralità delle dimissioni di papa Benedetto

Il gesto di Benedetto XVI legittimo dal punto di vista teologico e canonico, appare però in assoluta discontinuità con la Tradizione e la prassi della Chiesa e perciò moralmente censurabile.  Infatti la rinuncia di un Papa è canonicamente possibile "propter necessitatem vel utilitatem Ecclesiae universalis" (nell’interesse della Chiesa universale), ma perché sia moralmente lecita ci deve essere una iusta causa, altrimenti l’atto, pur valido, sarebbe moralmente deplorevole e costituirebbe una colpa grave dinnanzi a Dio. Del tutto sproporzionata alla gravità del gesto appare la ragione esposta dallo stesso Benedetto XVI l’11 febbraio 2013: «Nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità».

 

Benedetto XVI legge la dichiarazione di rinuncia al papato.

Socci conosce la dottrina canonica e commenta: «Siccome Benedetto XVI non indica motivi eccezionali, non potendo pensare che sia voluto "cadere in colpa grave", i casi – escludendo la costrizione – sono due: o la sua non è una vera e propria rinuncia al papato o i motivi eccezionali non sono stati spiegati»[4].

Non si capisce come Socci escluda a priori la possibilità di una "colpa grave" di Benedetto XVI. Purtroppo proprio di questo si tratta. La decisione di papa Benedetto ha creato una situazione senza precedenti. Agli occhi del mondo si è trattato di una desacralizzazione del ministero petrino che viene considerato come un’azienda da cui il presidente può dimettersi in ragione dell’età e della debolezza fisica. Il prof. Gian Enrico Rusconi ha osservato che Benedetto XVI "con la sua decisione di dimettersi dice che non c’è nessuna particolare protezione dello Spirito Santo che può garantire la saldezza mentale e psicologica del Vicario di Cristo in terra, quando è insidiata dalla vecchiaia o dalla malattia" (Teologia laica. La rivoluzione di BenedettoLa Stampa del 12 febbraio 2013).

I Papi nella storia furono eletti sempre in tarda età e spesso in pessime condizioni fisiche, senza che la medicina del tempo potesse aiutarli, come è invece in grado di fare oggi. Eppure non rinunciarono mai ad esercitare la propria missione. Il benessere fisico non è mai stato un criterio di governo della Chiesa.

Esempi storici in contrasto

Il vecchio arcivescovo di Goa nelle Indie, infermo e afflitto da molte pene, aveva supplicato il Papa di liberarlo dalla sua carica. Ma Pio V gli rispose che come buon soldato doveva morire sul campo, e per infondergli coraggio gli ricordò le proprie sofferenze con queste parole: «Vi compatiamo fraternamente che sentiate, vecchio come siete, stanchezza per tante fatiche, in mezzo a tanti pericoli; ma ricordatevi che la tribolazione è la strada normale che conduce al Cielo, e che noi non dobbiamo abbandonare il posto assegnatoci dalla Provvidenza. Credete forse che anche noi, tra tante sollecitudini piene di responsabilità, non siamo talvolta stanchi di vivere? E che non desideriamo di ritornare al nostro primitivo stato, di semplice religioso? Non di meno siamo risoluti a non scuotere il nostro giogo, ma a portarlo coraggiosamente fin quando Dio ci chiamerà a sé. Rinunziate dunque a qualsiasi speranza di potere ritirarvi a vita più quieta…».

 

Il grande papa S. Pio V, fedele alla sua missione fino alla fine.

Il 10 settembre 1571, pochi giorni prima della battaglia di Lepanto, lo stesso san Pio V indirizzò al Gran Maestro dei Cavalieri di Malta Pietro del Monte una lettera commovente, nella quale, per far coraggio al vecchio comandante, scrive: «Voi saprete senza dubbio che la mia croce è più pesante della vostra, che mi mancano ormai le forze, e come siamo numerosi quelli che cercano di farmi soccombere, Io sarei certamente venuto meno e avrei già rinunziato alla mia dignità (cosa che ho pensato più di una volta), se non avessi amato meglio rimettermi interamente nelle mani del Maestro che ha detto: Chi vuole seguirmi rinneghi sé stesso».

L’abdicazione di Benedetto XVI non rivela il rinnegamento di sé stesso, espresso dalle parole di san Pio V, ma è manifesta piuttosto lo spirito rinunciatario degli uomini di Chiesa del nostro tempo: è la rinuncia a svolgere la più alta missione che un uomo può svolgere sulla terra: quella di governare la Chiesa di Cristo. È la fuga davanti ai lupi da parte di chi, nella sua prima omelia, il 24 aprile 2005, aveva detto: «Pregate per me, perché io non fugga, per paura, davanti ai lupi».

L’ultimo discorso pubblico di Benedetto XVI, un punto di discordia

Antonio Socci cita l’ultimo discorso ufficiale e pubblico del pontificato di Benedetto XVI, il 27 febbraio 2013, in cui ha parlato del suo ministero: «[…] La gravità della decisione è stata proprio anche nel fatto che da quel momento in poi ero impegnato sempre e per sempre dal Signore. […] Il "sempre" è anche un "per sempre" – non c’è più un ritornare nel privato. La mia decisione di rinunciare all’esercizio attivo del ministero, non revoca questo. […]».

«Un’espressione dirompente – commenta Socci – perché se Benedetto, con quell’atto, ha rinunciato solo "all’esercizio attivo del ministero", significa che non intendeva rinunciare al ministero in sé" (…) Alla luce di quel suo ultimo discorso si comprende perché Joseph Ratzinger è rimasto nel "recinto di Pietro", si firma tuttora Benedetto XVI, si definisce "papa emerito", ha le insegne araldiche papali e continua a vestirsi da papa»[5].

Questa affermazione, presa alla lettera, come Socci la intende, è teologicamente erronea. Quando viene eletto, il Papa riceve l’ufficio di giurisdizione suprema, non un sacramento che porta l’impronta di un carattere indelebile. Il Papato non è una condizione spirituale o sacramentale, ma piuttosto un "ufficio", o più precisamente un’istituzione.

Secondo l’ecclesiologia del Vaticano II, invece, la Chiesa è innanzitutto "sacramento" e deve essere spogliata della sua dimensione istituzionale. Ci si dimentica che se il Papa è uguale ad ogni vescovo per la sua consacrazione episcopale, egli è superiore ad ogni vescovo in ragione del suo ufficio che gli assicura una piena giurisdizione su tutti i vescovi del mondo, considerati sia singolarmente che nel loro insieme.

Violi e mons. Gänswein contribuiscono alla confusione

Socci si richiama anche al discutibile studio del prof. Stefano Violi La rinuncia di Benedetto XVI. Tra storia, diritto e coscienza ("Rivista Teologica di Lugano" i n. 2/2013, pp. 203-214), che introduce la distinzione tra l’"ufficio", a cui Benedetto XVI avrebbe rinunciato, e il munus petrino, che continuerebbe a conservare.

 

Mons. Gänswein ha sostenuto l’assurda tesi del "pontificato allargato".

Le bislacche tesi di Violi sembrano aver ispirato l’arcivescovo Georg Gänswein, segretario di Benedetto XVI, nel suo discorso tenuto il 20 maggio 2016 alla Pontificia Università Gregoriana, ha affermato: «[…] dall’11 febbraio 2013 il ministero papale non è più quello di prima. È e rimane il fondamento della Chiesa cattolica; e tuttavia è un fondamento che Benedetto XVI ha profondamente e durevolmente trasformato nel suo pontificato d’eccezione (Ausnahmepontifikat)… […] Dall’elezione del suo successore Francesco il 13 marzo 2013 non vi sono dunque due papi, ma de facto un ministero allargato – con un membro attivo e un membro contemplativo. Per questo Benedetto XVI non ha rinunciato né al suo nome, né alla talare bianca. Per questo l’appellativo corretto con il quale rivolgerglisi ancora oggi è "Santità"; e per questo, inoltre, egli non si è ritirato in un monastero isolato, ma all’interno del Vaticano – come se avesse fatto solo un passo di lato per fare spazio al suo successore e a una nuova tappa nella storia del papato… […]».

Benedetto, sottolinea Socci, avrebbe rinunziato all’ufficio giuridico, ma continuerebbe di esercitare «l’essenza eminentemente spirituale del munus petrino»[6]. La sua rinuncia trasforma il ministero papale in un Ausnahmepontifikat ("pontificato di eccezione") per usare il termine dello stesso mons. Gänswein.  «Benedetto XVI non aveva l’intenzione di abbandonare il papato e non ha revocato l’"accettazione di esso fatta nell’aprile 2005 (considerandola addirittura "irrevocabile") dunque – a rigor di logica – è ancora papa»[7]. «Esiste obiettivamente un "stato d’eccezione", anzi nell’espressione di monsignor Gänswein, un "pontificato d’eccezione", che presuppone una situazione assolutamente eccezionale nella storia della Chiesa e del mondo»[8].

Tra le migliori opere che confutano questo tentativo di ridefinizione del Primato pontificio c’è un accurato saggio del cardinale Walter Brandmüller dal titolo Renuntiatio Papae. Alcune riflessioni storico-canonistiche[9]. La Tradizione e la prassi della Chiesa attestano con chiarezza – afferma il cardinale – che uno e solo uno è il Papa, e inscindibile nella sua unità è il suo potere. «La sostanza del Papato è così chiaramente definita dalla Sacra Scrittura e dalla Tradizione autentica, cosicché nessun Papa può essere autorizzato a ridefinire il suo ufficio». Se Benedetto XVI ritiene di essere davvero Papa, simultaneamente a Francesco, negherebbe la verità di fede per cui esiste un solo Vicario di Cristo e dovrebbe essere considerato eretico o sospetto di eresia. Qui il testo.

D’altra parte, se il vero Papa fosse Benedetto e non Francesco, qualcuno dovrebbe constatarlo, e nessun vescovo o cardinale lo ha mai fatto. Le conseguenze sarebbero devastanti. Che cosa accadrebbe infatti alla morte di Benedetto XVI? Si dovrebbe tenere un conclave, mentre papa Francesco occupa ancora il soglio pontificio? E se Francesco fosse davvero un antipapa, alla sua morte chi eleggerebbe il vero Papa, dal momento che i cardinali da lui nominati in così grande numero dovrebbero essere considerati invalidi?

Socci non afferma né che esistano due Papi, né che Francesco sia un antipapa, ma tra i cattolici c’è molta confusione in merito e se il nostro autore, da buon giornalista, vuole sollevare un problema, piuttosto che affermare una tesi teologica, c’è da chiedersi se il suo libro contribuisca a fare chiarezza o non rischi di aumentare la confusione, soprattutto nelle ultime pagine della sua opera.

Le dimissioni di Benedetto: una missione mistica?

Per Socci la rinuncia al pontificato di Benedetto XVI deve essere interpretata come una scelta mistica. «Siamo davanti a una vera e propria chiamata da parte di Dio. La chiamata a una missione»[10]. Di quale missione si tratta? «Benedetto non abbandona il gregge in pericolo. È in preghiera nel suo eremitaggio a intercedere per la Chiesa e per il mondo e il suo conforto e il suo insegnamento illuminante arrivano per mille rivoli»[11]. La figura silenziosa di Benedetto sarebbe una "presenza" nel recinto di Pietro che scongiura gli scismi e le divisioni, che frena l’avanzata della Rivoluzione e assicura la pace nel mondo.

 

Ratzinger non può fare altro che assistere sorridente allo sfacelo che lui stesso ha provocato…

La missione "mistica" di Benedetto XVI è dunque una missione politica, che Socci così descrive, a conclusione del suo: libro: «Ecco che qui si vede la grandezza del disegno di Benedetto XVI: in un momento storico folle, in cui l’Occidente, sempre più scristianizzato, ha assurdamente respinto e aggredito la Russia (questa Russia finalmente libera e tornata cristiana) e ha cercato di emarginarla, riconsegnandola all’isolamento asiatico o all’abbraccio della Cina comunista, il dialogo che il Papa aveva intrapreso con la Chiesa ortodossa russa puntava a realizzare il sogno di Giovanni Paolo II: un’Europa di popoli uniti dalle loro radici cristiane dall’Atlantico agli Urali»[12].

Il misticismo che Socci attribuisce a Benedetto XVI sembra però una fantasiosa suggestione letterario dell’autore, che nel suo libro trascura il grande dibattito teologico tra modernismo e antimodernismo, così come ignora il Concilio Vaticano II e le sue drammatiche conseguenze. Il Papato viene spogliato della sua dimensione istituzionale e "personalizzato". Giovanni Paolo II e Benedetto XVI incarnano il "bene", Francesco è l’espressione del "male". In realtà tra Francesco e i suoi predecessori il rapporto è molto più stretto di quanto Socci possa immaginare, se non altro perché è stata proprio la improvvida rinuncia di Benedetto XVI a spianare la strada al cardinale Bergoglio.

Le ultime fotografie di Benedetto XVI mostrano un uomo sfinito, costretto dalla Divina Provvidenza ad assistere allo sfacelo da lui provocato. Jorge Mario Bergoglio, lo sconfitto nel conclave del 2005 è divenuto il vincitore nel conclave del 2013 e Benedetto XVI, il vincitore del precedente conclave, emerge dalla storia come il grande sconfitto.

Stimo Antonio Socci per la sua autentica fede cattolica e per la sua indipendenza di pensiero. Condivido il suo severo giudizio su papa Francesco. Ma la rinuncia di Benedetto XVI, che per lui è la scelta di una missione, per me è il simbolo di una resa della Chiesa al mondo.

NOTE

[1] Antonio Socci, Il segreto di Benedetto XVI, Rizzoli, Milano 2018, p. 82.

[2] Geraldina Boni, Sopra una rinuncia. La decisione di papa Benedetto XVI e il diritto (Bononia University Press, Bologna 2015).

[3] Robert Siscoe e JohnSalza, "Is Francis or Benedict the True Pope?" (two-part series), in "Catholic Family News", Sept-Oct. 2016 (available online here).

[4] A. Socci, op. cit., pp. 101-102.

[5] Ibid, p. 83.

[6] Ibid., p. 106.

[7] Ibid., p. 121.

[8] Ibid., pp. 149-150.

[9] Card. Walter Brandmüller, Renuntiatio Papae. Alcune riflessioni storico-canonistiche, in "Archivio Giuridico", 3-4 (2016), p. 660 (pp. 655- 674).

[10] Ibid., p. 144.

[11] Ibid., p. 163.

[12] Ibid., p. 199.