[Home] [Associazione] [Sommario] [Dove siamo]

 

                                    

 

 

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per studio biblico
METODOLOGIA BIBLICA

Per un corretto modo di approccio al discernimento critico, qui di seguito, riportiamo una sintesi dei criteri metodologici seguiti nei lavori del Diacono Lorenzo Ventrudo
 

 

 

 

PROGRAMMA MENSILE A.M.E

 

 

CONTATTI:

 Cell. 347 9136018
 

Dopo Benedetto XVI – APPUNTI PER IL DISCERNIMENTO

(a cura di Lorenzo Ventrudo diacono)

In merito all’elezione del nuovo Papa Francesco (l’italoargentino Jeorge Mario Bergoglio, classe 1936), avvenuta il 13.03.2013, rileviamo, ex post, quanto segue: la citata profezia di S. Malachia non prevede la successione cronologica dei papi che precederanno l’elezione dell’ultimo Papa da parte di un legittimo Conclave, a partire dalla dimissione di Papa Benedetto XVI da noi considerate come baluardo dell’ortodossia cattolica. Infatti, alla presenza di un vuoto profetico o apofatismo profetico, reinterpretandolo correttamente, S. Malachia fa riferimento diretto all’elezione dell’ultimo Papa che dovrà avvenire ai tempi della presenza storica dell’Anticristo, autore della grande Persecuzione/Tribolazione contro i cristiani in genere e in, particolare,  contro la Chiesa Cattolica (romana): “Nell’ultima persecuzione[NdA:      Cfr. Mt24,21/ultima-irripetibile storicamente/ “tribolazione grande”; CCC n. 677/ultima Pasqua della Chiesa] della santa romana chiesa, siederà Pietro Romano, che pascerà il suo gregge fra molte tribolazioni, dopo le quali la città dei sette colli [NdA: Roma!] sarà distrutta e il giudice terribile [NdA: l’Anticristo!] giudicherà il suo popolo [NdA: Israele!]”. Il che vale a dire che altre inevitabili persecuzioni contro la Chiesa, potranno precedere l’ultima che sarà inferta dall’Anticristo in persona! Sarà in tale contesto storico che verrà eletto dalla Vera Chiesa, Papa Pietro II o Romano, sempre secondo quanto predetto da S. Malachia. La profezia di nostra Signora Regina della pace, di Anguera, nel messaggio n. 2.989–26/04/2008 ci informa che per un determinato periodo, la Chiesa camminerà senza Pietro. Ovvero qui è profetizzata l’uccisione dell’Ultimo Papa, così come ampiamente riportato nei nostri lavori a commento della 2Ts 2,7. Se le cose stanno in questi termini, allora la profezia di S. Malachia è da considerarsi come profezia aperta al futuro, e pertanto, soggetta a verifica post eventumEd è proprio l’indeterminatezza dei pontificati inclusi nel vuoto profetico richiamato, che la profezia di S. Malachia si presta tuttora ad essere presa in seria considerazione. J. Lortz (Storia della Chiesa, Paoline, Roma, 1968, vol. II, pp. 271-272; nota n. 160) con riferimento a S. Malachia e alle sue brevi 111 sentenze, scrive: Gli accenni mantengono un tono così generico che è sempre possibile stabilire un qualche rapporto con la realtà, sebbene non sia possibile, naturalmente, farli corrispondere esattamente ad essa. Nella nota n. 160, J. Lortz scrive:A Pio X andrebbe la caratterizzazione come ignis ardens, a Benedetto XV(prima guerra mondiale) religio depopulata, a Pio XI (Enciclica contro il Nazionalsocialismo) fide intrepida, a Pio XII pastor angelicus, a Giovanni XXIII Pastor et nauta, a Paolo VI, flos florum. Dovrebbero seguire ancora quattro Papi”. Insomma, quest’ultimi, dopo Palo VI, 1963-1978, dovrebbero essere in sequenza: 1. Giovanni Paolo I (Albino Luciani 26.8.1978-28.9.1978); 2. S. Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla), 1978-2005; 3. Benedetto XVI (J. Ratzinger), 2005-2013; 4. Francesco I (J. Mario Bergoglio), 2013-?). Osserviamo che normalmente i Pontificati, come negli avvicendamenti degli Imperatori, di breve durata, non vengono conteggiati (Giovanni Paolo I). Come da noi ipotizzato, Francesco I, è da considerarsi comunque Papa perché eletto in un Conclave legittimo, anche se permangono seri dubbi, indimostrabili e mai contestati da chi di dovere, sulla sua elezione ritenuta manipolata dalla massoneria ecclesiastica e/o Mafia di S. Gallo, al di là delle enigmatiche motivazioni addotte sulla rinuncia, dallo stesso Benedetto XVI e susseguenti irrisolte interpretazioni. Dunque, Bergoglio, che nel suo esercizio petrinologico è ritenuto formalmente eretico ed apostata, resta comunque nella condizione di Papa Regnante anche per assenza di provvedimenti censori nei suoi confronti, che storicamente risultano siano stati adottati sempre post mortem (Cfr. S.E. Athanasius Schneider, vescovo ausiliario di Astana, citato). Pertanto, Bergoglio, a nostro avviso, sta svolgendo il ruolo di  Precursore del veniente Falso Profeta di Ap 13,11, l’ideologo dell’Anticristo. Con questo ultimo Potere Regnante, binomio satanico, sarà realizzata l’Alleanza fra il Trono (Anticristo) e l’Altare (Falso Papa-Falso Profeta). E così, in quanto ultimo Papa, Bergoglio, figurerebbe al 4° ed ultimo posto nella Lista di S. Malachia. Con il Ministero  petrino bergogliano, verrebbero predisposti i preparativi della conclusione della fine dei tempi e delle fini, l’esodo finale dalla Storia, data l’imminente irruzione storica del Regno dell’Anticristo finale.  Insomma, sulla sequenza degli ultimi Papi, rileviamo che nell’esercizio di decodificazione e discernimento sulle profezie private, la mente umana pur nella sua razionalità, non riesce ad afferrarne il significato globale sia perché limitata ontologicamente (Qo 3,11) e sia per limitazioni di contenuti rivelativi, così spesso parcellizzati e frammentari, dati quasi a “bocconi”, o “centellinati”, secondo una logica di donazione profetica elargita con assoluta discrezionalità dallo Spirito Santo, e che per noi risulta essere assolutamente incomprensibile

·     Abolizione del sacrificio della S. Messa – Dn 9,27; Mt 24,15 - da parte dell’Anticristo. Per Sant’Ippolito, San Girolamo, Teodoreto, Malvenda, e altri; Concilio di Trento, Sessioni del 6.8.1547 e del 10.12.1551. L’Anticristo proibirà la celebrazione pubblica del sacrificio cristiano e imporrà la dottrina protestante che ritiene solo simbolica la presenza eucaristica del Cristo escludendo l’aspetto sacrificale della S. Messa o Cena del Signore, riducendola a solo conviviale (significato simbolico del pane e del vino). La Dottrina cattolica sull’Eucaristia, in continuità col Magistero di sempre, della Chiesa, è formulata dottrinalmente nel Catechismo della Chiesa Cattolica ai nn. 1322-1405.

N.B. All’apice del suo potere, l’Anticristo accogliendo la dottrina protestante, si dirà che la Messa non è un sacrificio, ma solo la sacra cena, cioè il ricordo di ciò che Gesù fece nell’ultima cena. E così verrà soppressa la celebrazione della santa Messa. In questa abolizione della Messa consiste l’orribile sacrilegio compiuto dall’anticristo, la cui durata sarà circa tre anni e mezzo, cioè 1290 giorni (GOBBI S., Ai Sacerdoti figli prediletti della Madonna,: 14°/1986; 23°/1999; 24°/2000; 26°/2008. p. 738).

Perdon G. FICHERA, “Associazione Fede, Cultura e Società”, periodico mensile, anno IX, n. 50, Foggia, febbraio, 2009, p. 21, interpretando il 3° segreto di Fatima, per ciò che concerne la visione del “Vescovo vestito di Bianco”, ipotizza che questi, in veste di antipapa, sarà il “pastore-idolo” di cui Zc 11,4-17, corrispondente al Falso Profeta di Ap 13,11-18.

 

… il Vescovo vestito di Bianco/Vescovo di Roma è l’attuale Papa Regnante:

 

Pastor et nauta
("Pastore e navigante")

 
Giovanni XXIII
(Angelo Giuseppe Roncalli, 1958-1963)
1 -Flos florum
("Fiore dei fiori")
Paolo VI
(Giovanni Battista Montini, 1963-1978)
? -De medietate Lunae
   ("Del medio periodo della luna")
Giovanni Paolo I
(Albino Luciani, 1978)
2 - De labore solis
      ("Della fatica del sole")
Giovanni Paolo II
(Karol Wojtyła, 1978-2005)
3 -Gloria olivae
("Gloria dell'ulivo")
Benedetto XVI
(Joseph Ratzinger, 2005-2013)
In persecutione extrema S.R.E. sedebit.
("Siederà durante l'ultima pe della Santa Romana Chiesa")
Falso Profeta di Ap 13

Bergoglio! Infatti, lui stesso, con intuizione profetica e con carisma profetico temporaneo, si è autodefinito come tale nel centenario delle Apparizioni di Fatima, il 12 maggio 2017 identificandosi con quel protagonista della profezia che i pastorelli scorsero “come si vedono le persone in uno specchio”(Garabandal-1962): morto Giovanni XXIII (1963), mancano tre Papi per la “fine dei tempi”:

N.B. nella succitata lista non figura il pontificato di Bergoglio perché ritenuto invalido o inesistente, eretico, idolatra ed apostata.