PUNTO SULL’ATTUALE SITUAZIONE ECCLESIALE 

 

1La compresenza dei due Papi.

 

2. La compresenza di Due Chiese derivate dalle due ermeneutiche (J.  

     Ratzinger, 2005) del Concilio Vaticano II: 

 

1)     Quella dello sviluppo nella continuità con il Magistero di sempre della    

Chiesa, che ha prodotto buoni frutti

2)    Quella della rottura e della discontinuità con il Magistero di sempre della

Chiesa, che ha prodotto cattivi frutti, ovvero un Magistero Parallelo Modernista, eretico apostata, scismatico, antagonista a quello Vero. 

OSSERVAZIONE SUI DUE PAPI

 

·       A seguito delle dimissioni di Papa Benedetto XVI, avvenute in data 11 febbraio 2013, festa della Madonna di Lourdes, è stato eletto il nuovo Papa Francesco (Jorge Mario Bergoglio), il 13 marzo 2013. Pertanto sono presenti in Vaticano il Vescovo emerito (Papa emerito Benedetto XVI) e il nuovo Vescovo della Diocesi di RomaPapa Francesco

 

Non possono esserci due Papi perché è un assurdo teologico! Uno solo è il Vicario di Cristo! La vocazione di Pietro è inequivocabilmente personale e al singolare (S. Agostino e altri)Tu sei Pietro … (Mt 16,18-19). Ogni altra soluzione, comunque umanamente proposta, non può mai contraddire la Parola di Dio

 

Il Romano Pontefice in forza del suo ufficio, ha potestà ordinaria suprema, piena, immediata e universale sulla Chiesa (CDC, Parte II, Il Romano Pontefice art. 1) – che può sempre esercitare liberamente (LG 22). Ne consegue l’asserto secondo cui per il Sommo Pontefice nell’esercizio del suo specifico potere petrinologico, non potrà mai esserci delega, divisione, confusione, separazione, cambiamentoIl problema è eminentemente teologico, anzi cristologico e anticristologico: tertium non datur!

 

QUALI POSSONO ESSERE LE CONSEGUENZE ?

 

1.      IPOTESI

 

A)   Scomparsa terrena del Papa emerito

 

 1a.La Nuova Chiesa, ritenuta autorevolmente, potenzialmente scismatica,   

           con l'attuale  Papa regnante, sarà sempre più impegnata a consolidare

           nelle strutture dissolvitrici dell’identità cattolica. Essa continuerà in

           maniera soft, l’imposizione progressiva del nuovo corso         

           rivoluzionario/progressista/modernista, con crescenti metodi  

           persecutori contro i cosiddetti "oppositori" (il piccolo resto dei

           Resistenti/cristiani appartenenti alla Vera Chiesa).  

     1b. Il Magistero Parallelo, Maestro di Ambiguità, antagonista a quello Vero,  

            emetterà sempre più, con raffinata tecnica dissimulatrice, Documenti

            Ufficiali, by-passando, abilmente e surrettiziamente, gli

             ostacoli impedienti la realizzazione del loro piano modernista, in

             contrasto con l’insegnamento di Gesù che esige il parlare chiaro e

            

            veritiero (Mt 5,37). 

            Infatti, adottando un linguaggio volutamente ambiguo, consente loro di

            evitare di esprimere chiaramente ed esplicitamente un pronunciamento

            comunque dottrinale, anche se mascherato col falso pretesto   

            dell’aggiornamento pastorale,  che, contraddicendo apertamente il

            Magistero di sempre della Chiesa, li esporrebbe alla  scomunica latae

            sententiae  (Can. 1364, § 1) per apostasia, eresia,  scisma!

 

1c. NE CONSEGUE che:

 

a)    Il Magistero Falso della Chiesa, per obbligare i fedeli cattolici all’osservanza dei loro Documenti (encicliche, esortazioni varie, ecc.) dovrebbe, come normalmente avviene per la legislazione civile, dichiarare espressamente l’annullamento e la sostituzione dei precedenti Documenti, vigenti, della Chiesa Tradizionale, abrogando il tutto, per rimpiazzarli con nuove norme che sarebbero palesemente inconciliabili con la sana dottrina cattolica. Anche eventuali proposte di modifiche, ovviamente, dovrebbero sempre costituire sviluppo e continuità con la Tradizione cattolica. Fare tutto questo per loro è impossibile, sapendo bene di incorrere, come detto, nel reale rischio della scomunica latae sententiae (Can. 1364, § 1).

b)    Qualsiasi imposizione di ubbidienza al cosiddetto nuovo e rivoluzionario corso progressista dei Modernisti, necessariamente NON OBBLIGA AFFATTO I FEDELI CATTOLICI che, invece, si dovranno sentire moralmente vincolati all’ubbidienza del Magistero di sempre della Chiesa, le cui norme vigenti, restano sempre valide in assenza di contro norme abrogative. Il ricorrere a imposizioni eretiche, come certamente avviene e avverrà con violenza progressiva, causeranno persecuzioni che li smaschereranno come Anticristi.

 

2.                IPOTESI

 

    B) Con la scomparsa e/o possibili,  forzate dimissioni dell'attuale Papa 

          regnante,  secondo alcune supposizioni, potrebbe essere eletto:

 

a)    In caso di un possibile reintegro nelle sue funzioni petrinologiche di Benedetto XVI, nonostante la sua età, i Modernisti potrebbero eleggere un loro Antipapa, provocando lo scisma.

b)    In caso di non reintegro nelle sue funzioni petrinologiche di Benedetto XVI, potrebbe essere eletto: 1. Un Papa della Tradizione, transizionale; 2. In questo caso i Modernisti eleggerebbero un loro Antipapa, provocando lo scisma. Tutto ciò concorderebbe con l’interpretazione che individua nel vescovo-papa un usurpatore, papa illegittimo impostore eletto in un conclave illegittimo.

c)    In caso di non reintegro nelle sue funzioni petrinologiche di Benedetto XVI, potrebbe essere eletto un Papa Modernista continuatore della politica di dissolvimento dell’identità cattolica che sarà impegnato a accelerare il processo d’Integrazione di tutti le Religioni che con il Falso Profeta (l’Antipapa che ha prodotto lo scisma). Tale Antipapa, Falso Profeta, ideologo dell’Anticristo, Unificatore della Religione Umanitaria e della Costituzione dell’Unico Governo Mondiale, eleverà esponenzialmente l’ascesa al potere satanico dell’Anticristo-Vicario di Satana sulla Terra. Pertanto, il neo eletto Papa Modernista / Falso Profeta dovrà sostenere l'ascesa politica dell'Anticristo (Ap 13,12). Con l'elezione di Pietro II o Romano e la sua uccisione (2Ts 2,6-7), l'Anticristo, ormai Dittatore Mondiale, metterà in atto la Grande Tribolazione (Mt 24,21). In questo caso, i cristiani della Vera Chiesa, saranno perseguitati terribilmente.

Ormai il Giudice è alle porte (Gc 5,9): siamo alla fine dei tempi e delle fini! 

 

3.                IPOTESI

 

Sulla problematica della Visione simbolica del Vescovo vestito di Bianco: “abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre”,

 

OSSERVIAMO

 

La nostra ipotesi, basandosi sulla sua identificazione corrente, ritenuto vescovo-papa usurpatore, papa illegittimo impostore eletto in un conclave illegittimo (Antipapa), invece, è:

 

1.      La suddetta Visione simbolica non fa nessun riferimento al contesto storico della presenza operativa dell’Anticristo. Il binomio satanico Falso Profeta/Anticristo è inscindibile alla Trinità Satanica, che ha per Capo Satana. In particolare, sul piano storico, entrambi i burattini di Satana e quest’ultimo stesso, sono accumunati a un destino inglorioso e di morte eterna (Ap 19,20; 20,10).

2.     La funzione di tale Personaggio della Visione simbolica, corrisponde meglio a quella di gregario dell’Anticristo, un Precursore della comparsa storica dell’Anticristo, eletto comunque legittimamente dal Conclave! Pertanto la sua funzione petrinologica, sarà anti-petrinologica, perché surrettiziamente anticristica/modernista, paladino dell’ermeneutica della discontinuità e della rottura col precedente Magistero di sempre della Chiesa. Allora, così stando le cose, secondo il genere letterario apocalittico, come S. Giovanni Battista è stato Precursore del Messia, preparando un popolo ben disposto alla sua accoglienza (Gv 1,6-7; Lc 1,17), così il Vescovo vestito di bianco, nel suo impegno temporaneo, dovrà preparare un popolo ben disposto all’accoglienza del Falso Messia/Anticristo/Vicario di Satana.

3.     La convocazione di un Conclave illegittimo, come ipotizzato da taluni, distinto dalla funzione gregaria del Vescovo vestito di bianco, eletto comunque legittimamente a prescindere dalla problematica sulla sua validità, è più convincente e compatibile con le altre ipotesi, dato il sotteso contesto esplosivo delle contraddizioni tra Tradizionalisti e Modernisti. Pertanto, l’appellativo assegnato all’attualo Pontificato di Usurpatore/Antipapa, è improprio. In ogni modo, non saranno gli anticristi a uscire dalla Vera Chiesa. Sarà la Falsa Chiesa, composta da anticristi maggioritari che perseguiterà quelli della Vera Chiesa minoritaria, costringendoli ad abbandonare quella  che è la loro Falsa Chiesa, espellendoli come nemici. Con ciò, avremo l’esatto opposto alla situazione della Comunità di Giovanni (1Gv 2,18-28; 2Gv 7-11: riproduzione storica dell’ultima ora, degli anticristi).

4.     L’elezione dell’Antipapa/Falso Profeta, con l’affermazione politico-religiosa planetaria, della Religione umanitaria che accomuna tutte le Religioni non cristiane mediante il Falso-Ecumenismo, e con il Governo Mondiale anticristico, essa Religione, divenuta maggioritaria, esercitando il suo potere anti-petrinologico, consentirebbe, contestualmente, l’ascesa al potere dell’Anticristo.

5.     Alcuni confondono erroneamente il Vescovo vestito di Bianco/Santo Padre con il Papa che è ucciso da un gruppo di soldati. I due eventi sono distinti e separati, non sovrapponibili, connotati da ben diverse circostanze storico/politico/religiose-irreligiose/anticristiche. Quello che sarà ucciso dal commando militare, corrisponde all’Ultimo Papa secondo l’interpretazione di S. Tommaso d’A. e nostra, della 2Ts 2,6-7, e secondo numerose concordanze profetiche di rivelazioni private.

6.     La presenza simultanea temporanea dei Due PAPI, è un problema eminentemente teologico, anzi cristologico e anticristologico. La spiegazione riguarda la citata 2Ts 2,6-7, ovvero l’eliminazione progressiva degli ostacoli (ò katèkon - tò katèkon) impedienti la manifestazione dell’Anticristo, fino a concludersi con l’eliminazione fisica dell’Ultimo Papa (Pietro II o Romano) e l’irrompere della Grande Tribolazione (Mt 24,21), tra l’altro:

 

Possiamo già costatare l’accelerazione dei tempi della fine dei tempi e delle fini (Riduzione dell’azione progressiva impediente la manifestazione dell’Anticristo):

 

 a) Dimissione di Papa Benedetto XV.

     b) Introduzione di Papa Francesco.

           c) Cessazione delle Apparizioni pubbliche di Medjugorje (2 Maggio 1982: Sono  

               venuta a chiamare il mondo alla conversione per l'ultima volta. In seguito

               non apparirò più sulla terra: queste sono le mie ultime apparizioni). Con la

               cessazione delle sue Apparizioni la Madonna smette, pubblicamente, di 

               sostenere la funzione della Chiesa, in particolare nel ravvivare la fede e la

               speranza nel Trionfo di Cristo e del suo Cuore Immacolato, perché alla  

               Chiesa, in grave crisi planetaria di fede e conseguente  inadeguatezze  

                rievangelizzatrici,  Supplet Maria – essendo - Mater Ecclesiae!

 

 

VOI, CHE NE DITE?

 

Maranà thà! Vieni Signore Gesù! (Ap 20,22)

 

Lorenzo Ventrudo, Diacono

 

*************

·        Genere Letterario Apocalittico: ecco l’autorevole definizione di Rudolf  Schnackenburg: “caratteristica del pensiero apocalittico è che “i testi – biblici – vengono reinterpretati di continuo e applicati a nuove situazioni” [SCHNACKENBURG  RUDOLF, Vangelo secondo Marco, Città Nuova Editrice, Roma 2002, p. 352].